Gli integratori di olio di pesce e vitamina D in gravidanza riducono il rischio di croup nei neonati e nei bambini piccoli

Secondo uno studio presentato al Congresso internazionale della European Respiratory Society, i neonati e i piccoli fino a 3 anni di età presentano un minor rischio di andare incontro a croup se le loro madri, in gravidanza, hanno assunto supplementazioni a base di olio di pesce e vitamina D

Gli integratori di olio di pesce e vitamina DIl croup, sinonimo di laringite ipoglottica o laringotracheobronchite, è una condizione clinica comune indotta da infezione virale che colpisce i bambini piccoli caratterizzata da voce rauca, tosse “abbaiante” e difficoltà respiratorie. Solitamente la sintomatologia è di lieve entità, ma alcuni bambini necessitano di cure ospedaliere e di supporto respiratorio.

Secondo i risultati di uno studio (1) randomizzato controllato, presentato al Congresso internazionale della European Respiratory Society (ERS) a Barcellona, i neonati e i piccoli fino a 3 anni di età presentano un minor rischio di andare incontro a croup se le loro madri, in gravidanza, hanno assunto supplementazioni a  base di olio di pesce e di vitamina D.

"Attualmente non esiste un vaccino contro l'agente patogeno che causa questa malattia. Pertanto, sono necessarie altre strategie preventive e le misure avviate durante la gravidanza potrebbero essere importanti poiché il croup si manifesta nei neonati e nei bambini piccoli. A tale scopo, è dimostrato che sia la vitamina D che l'olio di pesce potrebbero avere un'influenza sul sistema immunitario" ha dichiarato Nicklas Brustad, medico e ricercatore post-dottorato che lavora al Copenaghen Prospective Studies on Asthma in Childhood (COPSAC) presso il Policlinico Universitario in Danimarca, nel presentare il lavoro al Congresso.

Il trial ha incluso 736 donne in gravidanza assistite dal COPSAC a partire dal 2010. Le donne sono state suddivise in quattro gruppi. A un gruppo è stato somministrato un integratore di vitamina D ad alto dosaggio (2800 UI/die) e olio di pesce contenente acidi grassi n-3-polinsaturi a lunga catena (2,4 grammi), al secondo gruppo è stata somministrata vitamina D ad alto dosaggio e olio d'oliva, al terzo gruppo è stata somministrata vitamina D a dosaggio standard (400 UI/die) e olio di pesce e all'ultimo gruppo è stata somministrata vitamina D a dosaggio standard e olio d'oliva. Tutte le donne hanno assunto gli integratori quotidianamente dalla 24a settimana di gravidanza fino a una settimana dopo la nascita del bambino. Né le donne né i ricercatori sapevano quali integratori stessero assumendo fino alla fine dello studio.

I ricercatori hanno monitorato i bambini fino all'età di tre anni e i casi sospetti di croup sono stati diagnosticati da un medico o attraverso la loro cartella clinica. In totale sono stati registrati 97 casi di croup tra i bambini.

Complessivamente, i bambini le cui madri assumevano olio di pesce avevano un rischio di croup dell'11%, rispetto al 17% dei bambini le cui madri assumevano olio d'oliva (una diminuzione del 38%). I bambini le cui madri hanno assunto vitamina D ad alte dosi hanno avuto un rischio di croup dell'11%, rispetto al 18% di quelli le cui madri hanno assunto la vitamina D a dosi standard (una diminuzione del 40%).

"I nostri risultati suggeriscono che la vitamina D e l'olio di pesce in dosi sufficientemente elevate potrebbero essere utili contro il croup infantile. Si tratta di integratori relativamente economici, il che significa che questo potrebbe essere un approccio estremamente efficace dal punto di vista dei costi per migliorare la salute dei bambini – ha proseguito Brustad. "Non siamo certi dei meccanismi esatti alla base degli effetti benefici della vitamina D e dell'olio di pesce, ma è possibile che possano stimolare il sistema immunitario aiutando i neonati e i bambini piccoli ad eliminare le infezioni in modo più efficace".

I ricercatori del COPSAC hanno già studiato altri potenziali benefici della vitamina D e dell'olio di pesce durante la gravidanza, tra cui gli effetti sullo sviluppo osseo, sul sistema nervoso centrale, sulla composizione corporea e sull'asma, e continueranno a seguire i bambini dello studio per indagare sul perché alcuni bambini siano più inclini alle infezioni durante l'infanzia rispetto ad altri.

Il professor Rory Morty dell'Università di Heidelberg, presidente del gruppo di biologia dello sviluppo dei polmoni e delle vie aeree della ERS, ha dichiarato: "Sappiamo che la salute dei polmoni nei neonati e nei bambini piccoli può essere influenzata durante la gravidanza. Ad esempio, i bambini le cui madri fumano tendono ad avere una salute polmonare peggiore. Ci rendiamo sempre più conto che anche gli elementi della dieta materna possono aiutare od ostacolare lo sviluppo polmonare del bambino. Questa ricerca suggerisce che l'assunzione di integratori di vitamina D e di olio di pesce durante la gravidanza potrebbe avere benefici per i neonati e i bambini piccoli. Vorremmo che ulteriori ricerche in quest'area supportassero questi risultati, perché potrebbero portare a nuove raccomandazioni per l'integrazione durante la gravidanza".

 

1. Brustad N, et al. Fish oil and vitamin D supplementations in pregnancy protect against childhood croup. Abstract OA2189; ERS2022.

Ultimo aggiornamento: 23 Settembre 2022

×

Question-Time.it

×

Contatti

Effetti srl

Editore: Effetti srl
Via G.B. Giorgini 16 - 20151 Milano
email: effetti@effetti.it
web: www.effetti.it - www.makevent.it

Direttore Scientifico: Giampiero Porzio
Direttore Responsabile: Francesca Tacconi
Redazione Scientifica: Luca Annovazzi, Anna Invernizzi, Monica Luciani
Web developers: Gianluca De Grandis, Alessandro Curti
Web design: Sara Portipiano
Segreteria di Redazione: Arianna Nespolon

Chiudi

×

Password dimenticata

Password dimenticata

Indirizzo email non valido

Password dimenticata

Inserisca il suo indirizzo email. Riceverà un messaggio con il link per effettuare il reset della password.