Cittadinanzattiva e FIMMG: un algoritmo per supportare i medici di famiglia nella prescrizione di antivirali

Gli algoritmi digitali entrano negli studi di medicina generale a sostegno dei medici per la prescrizione di nirmatrelvir/ritonavir, attualmente l’unico antivirale contro COVID-19 prescrivibile dai medici di medicina generale secondo le linee guida Aifa.

Cittadinanzattiva e FIMMGA rendere possibile questo importante passo in avanti nella prescrizione del farmaco è la collaborazione tra Cittadinanzattiva e FIMMG (Federazione Italiana Medici di Famiglia) attraverso la software house NetMedica Italia, già protagonista nel pieno della pandemia di altre importanti innovazioni per facilitare la campagna di vaccinazione anti-COVID-19.

“Il nuovo algoritmo consente di semplificare il processo di accesso al farmaco, supportando i medici di medicina generale nel percorso di analisi di eleggibilità e nella prescrizione del farmaco. Questo significa che il medico può ora prendere la migliore decisione possibile, considerando ogni dato clinico rilevante in suo possesso” spiega Nicola Calabrese, vicesegretario Nazionale FIMMG e Presidente NetMedica Italia.

“Di fatto la medicina generale è pronta ad assumere questa opportunità e ha a disposizione un ulteriore strumento di supporto per essere efficace ed appropriata - aggiunge Silvestro Scotti, Segretario Nazionale FIMMG. “Portare il processo decisionale e professionale nello studio del medico di famiglia e supportarlo nell’analisi della eleggibilità e delle possibili interazioni farmacologiche che possono limitare o controindicare la prescrizione è un passaggio decisivo, ma soprattutto permette di individuare già prima i pazienti, che qualora contagiati possano avere accesso alla terapia antivirale con abbreviazione dei tempi di accesso alle cure, punto fondamentale nell’uso di queste terapie”.

Estremamente complesso e prolungato è infatti il percorso necessario all’individuazione dell’eleggibilità del paziente e alla definizione del relativo piano terapeutico.

Semplificando: al medico di medicina generale spetta il compito di capire se il paziente è candidabile al trattamento, valutare i fattori di rischio (quali ad esempio una patologia oncologica, diabete, obesità o broncopneumopatia), individuare nella storia clinica eventuali fattori di esclusione (come una compromissione renale o epatica severa) e assicurarsi che non ci siano problemi per l’eventuale assunzione di farmaci che possono rappresentare controindicazioni al trattamento.

“Si tratta di uno strumento importante per consentire ai cittadini un accesso facile e sicuro ai farmaci disponibili per la cura di COVID-19. Attraverso questi strumenti digitali, si consolida il rapporto di fiducia fra medico di famiglia e cittadino. La digitalizzazione, utilizzata per accorciare i tempi, sburocratizzare le procedure, fornire cure più appropriate e personalizzate, è una grande sfida per il futuro del nostro servizio sanitario e per tutelare i diritti dei pazienti, ovunque risiedano”, dichiara Anna Lisa Mandorino, Segretaria generale di Cittadinanzattiva.

 


Ultimo aggiornamento: 23 Settembre 2022

×

Question-Time.it

×

Contatti

Effetti srl

Editore: Effetti srl
Via G.B. Giorgini 16 - 20151 Milano
email: effetti@effetti.it
web: www.effetti.it - www.makevent.it

Direttore Scientifico: Giampiero Porzio
Direttore Responsabile: Francesca Tacconi
Redazione Scientifica: Luca Annovazzi, Anna Invernizzi, Monica Luciani
Web developers: Gianluca De Grandis, Alessandro Curti
Web design: Sara Portipiano
Segreteria di Redazione: Arianna Nespolon

Chiudi

×

Password dimenticata

Password dimenticata

Indirizzo email non valido

Password dimenticata

Inserisca il suo indirizzo email. Riceverà un messaggio con il link per effettuare il reset della password.