Gestione della BPCO durante l’emergenza COVID-19: le Raccomandazioni GOLD

Il rischio di complicanze e mortalità da COVID-19 risulta legato alla presenza di una o più comorbidità, in particolare nella popolazione anziana. Per quanto riguarda la BPCO è necessario continuare a trattare in modo adeguato i pazienti prestando attenzione alle possibili interazioni farmacologiche ed agli effetti collaterali dei farmaci impiegati per il trattamento dell’infezione da Sars-Cov-2.

I dati epidemiologici mostrano come il rischio di complicanze e mortalità da COVID-19 sia legato alla presenza di una o più comorbidità, in particolare nella popolazione anziana. Per quanto riguarda la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), è certamente necessario continuare a trattare in modo adeguato i pazienti e prestare attenzione alle possibili interazioni farmacologiche ed agli effetti collaterali dei farmaci impiegati per il trattamento di COVID-19.

A causa del lungo periodo di incubazione di COVID-19, con sintomatologia d’esordio talvolta subdola e sfumata, nell’anziano affetto da BPCO le manifestazioni cliniche possono inizialmente essere confuse con i sintomi tipici della BPCO, in particolare con quelli di una riacutizzazione. È pertanto necessario educare il paziente al corretto riconoscimento degli abituali sintomi della sua patologia cronica e dell’eventuale riacutizzazione (incremento di tosse e dispnea, aumento e variazioni delle caratteristiche dell’escreto), andando a ricercare eventuali sintomi riconducibili ad una possibile sovrainfezione da Sars-Cov-2 come febbre, mialgie, ageusia ed anosmia.

Un punto cardine della terapia della BPCO è il regolare e quotidiano corretto utilizzo dei farmaci assunti con i device inalatori, in grado di agire favorevolmente sulla storia naturale della patologia, riducendo il numero di riacutizzazioni e la necessità di ricoveri ospedalieri.

Secondo le raccomandazioni della Global Initiative for Chronic Obstructive Lung Disease (GOLD) la terapia farmacologica può ridurre i sintomi della BPCO, ridurre la frequenza e la gravità delle riacutizzazioni e migliorare lo stato di salute e di tolleranza allo sforzo.

Pertanto, anche durante la attuale fase pandemica, ai pazienti con BPCO in fase stabile dovrebbe essere mantenuto il trattamento inalatorio domiciliare garantendo un corretto percorso di follow-up ambulatoriale, eventualmente avvalendosi anche degli strumenti resi disponibili dalla tecnologia.

 

Raccomandazioni GOLD per i pazienti affetti da BPCO in corso di emergenza COVID-19:

  • Le persone con BPCO sono tra le più colpite da COVID-19: per questo GOLD sta lavorando insieme all'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per cercare di ridurre al minimo l'impatto dell'infezione.
  • I pazienti con BPCO dovrebbero mantenere la loro terapia regolare durante la pandemia
  • È necessario prestare particolare attenzione alla variazione quotidiana della sintomatologia, identificando precocemente i pazienti che presentano un quadro suggestivo di COVID-19
  • Poiché attualmente non risultano prove scientifiche a supporto del fatto che i corticosteroidi per via inalatoria (o orale) debbano essere evitati nei pazienti con BPCO durante l'epidemia di COVID-19, è indicato l’utilizzo dei comuni device inalatori
  • L’ossigenoterapia dovrebbe essere prescritta e garantita seguendo le raccomandazioni standard
  • A fronte della futura disponibilità di nuove informazioni,GOLD invita a continuare a seguire le raccomandazioni emanate dalle autorità sanitarie dei vari paesi.
  • Per ulteriori informazioni sulla gestione dei pazienti, GOLD invita a visitare la pagina dedicata sul sito dell'OMS disponibile al link https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/technical-guidance/patient-management

 


Ultimo aggiornamento: 11 Settembre 2020

×

Question-Time.it

×

Contatti

Effetti srl

Via G.B. Giorgini 16 - 20151 Milano
email: effetti@effetti.it
web: www.effetti.it - www.makevent.it

Chiudi

×

Password dimenticata

Password dimenticata

Indirizzo email non valido

Password dimenticata

Inserisca il suo indirizzo email. Riceverà un messaggio con il link per effettuare il reset della password.