Un breve questionario per la valutazione del corretto apporto di micronutrienti in pazienti oncologici

Da un gruppo di ricercatori della Flinders University un nuovo strumento per favorire il counseling nutrizionale in oncologia.

Secondo i ricercatori della Flinders University, un nuovo questionario per la valutazione rapida dei livelli di micronutrienti potrebbe essere d’aiuto ai pazienti oncologici e favorire la ricerca di migliori soluzioni di counseling nutrizionale in oncologia. Il lavoro è stato pubblicato su Nutrients.

L'infiammazione cronica è un fattore di rischio per il cancro, principale causa di morte a livello globale con 10 milioni di decessi e 19,3 milioni di nuovi casi nel 2019.

“L'assunzione di micronutrienti antinfiammatori può impattare sul processo di sviluppo tumorale e quindi sugli esiti correlati al trattamento”, afferma Mitali Mukherjee della Flinders University. Fattori dietetici sono stati associati al rischio di sviluppare tumori, in particolare al seno, colon-retto, testa-collo, polmoni e prostata, e sono in grado di influenzare gli effetti collaterali della chemioterapia e di altre opzioni di trattamento antitumorale.

Precedenti studi hanno confermato i benefici di un basso indice infiammatorio associato al modello della dieta mediterranea caratterizzata da un adeguato consumo di frutta e verdura, carni magre, pesce, cereali integrali e grassi sani.

La dieta e le scelte nutrizionali sono importanti in oncologia e dovrebbero essere gestite con attenzione. Alcuni pazienti oncologici non controllano la loro dieta a meno che non stiano perdendo peso o non vengano seguiti da un dietista, ma l'apporto di micronutrienti nella dieta è raramente valutata in un contesto clinico” prosegue Mitali Mukherjee.

“Testato su 112 pazienti oncologici, il nostro questionario basato su 21 voci è in grado di determinare l’adeguato intake di 14 micronutrienti e può essere eseguito in circa 10 minuti. Potrebbe quindi essere utilizzato come strumento di screening rapido per la valutazione dei pazienti favorendo il counseling nutrizionale nella pratica clinica e contribuendo alla futura ricerca osservazionale nei pazienti sottoposti a chemioterapia e ad immunoterapia”.

Il questionario ha testato l'adeguato apporto di micronutrienti come rame, ferro, vitamine A, E, D, acido alfa-linolenico, acidi grassi omega 3 a catena lunga (LC n3-FA), arginina, acido glutammico, isoleucina, leucina, e valina.

“Ulteriori ricerche potrebbero aiutare a determinare se l'assunzione di micronutrienti e una dieta antinfiammatoria possono aiutare ad alterare il microambiente tumorale, ridurre gli effetti collaterali infiammatori e gli eventi avversi immuno-relati”, afferma Shawgi Sukumaran tra gli autori dello studio.


Ultimo aggiornamento: 18 Febbraio 2022

×

Question-Time.it

×

Contatti

Effetti srl

Via G.B. Giorgini 16 - 20151 Milano
email: effetti@effetti.it
web: www.effetti.it - www.makevent.it

Chiudi

×

Password dimenticata

Password dimenticata

Indirizzo email non valido

Password dimenticata

Inserisca il suo indirizzo email. Riceverà un messaggio con il link per effettuare il reset della password.